Discovery: Oniric – Requiem for a Soldier

Requiem for a Soldier” is a mix of all Oniric styles. It holds the violin beauty listeners would come to expect from De Filippo’s music, and the pounding percussion / hard hitting vibrant piano accompaniment found more often than not in dark metal recordings. A style when put together creates a vivid atmosphere, almost perfectly summarised by the accompanying video featuring key moments of the film Paths of Glory. If this is anything to go by, then De Filippo can certainly create more, and engage listeners keeping their emotions in check.

https://www.discoveryrecords.co.uk/2019/06/discovery-oniric-requiem-for-soldier.html?fbclid=IwAR3p949MVjRb8kATzUhiCrECCAmS7j77tmtb5STZX2Ri4VJr1RBa739ynrs

Review of Cabaret Syndrome on Ver Sacrum

Oniric: Cabaret Syndrome (CD – Caustic Records, 2009). Il duo formato da Carlo De Filippo e GianVigo (al secolo Gianpiero Timbro) è approdato, dopo anni di gavetta, all’opera prima per i tipi della spagnola Caustic Records. Gli artisti italiani propongono una raffinata collection di dolci ballate dai toni melanconici e suadenti. L’elaborazione dei brani è molto accurata, miscelando la monotonia delle basi ritmiche ad una verve spiccatamente in uso al dark cabaret. In tal senso emerge soprattutto “Un Gris Board” che segue il valzer scanzonato di “Once Upon A Time In The Cabaret”. Le atmosfere oscure attingono da sonorità che fanno pensare ad una nebbiosa Parigi di fine ‘800, ma non mancano visioni sonore apocalittiche che mirano allo sgomento. Senz’altro carina “Blessing”, una dolce canzone che fa della melodia del ritornello la chiave di volta della sua struttura. Non male anche “Farewell”, più ossessivo ed inquietante. Davvero interessante questo disco d’esordio, in cui si evidenzia la capacità del duo di esprimersi a buoni livelli di comunicatività, anche se la tendenza alla ripetitività può costituire un limite che gli artisti dovranno saper superare per non risolvere la loro arte in una autoindulgente celebrazione di se stessi. Web: http://www.myspace.com/oniricband. (S*Tox)

 

http://versacrum.hyperborea.com/musica/recensioni/rec201005/index_html?query_start=21

Interview on ALTERGOTHIC

Tym razem Leo z PromoFabrik zaprasza Was na wywiad z Carlo De Filippo i Gianvigo, założycielami zespołu Oniric, bardzo obiecującego projektu z Włoch. Duet opowiada o swoim pierwszym albumie „Cabaret Syndrome”, inspiracjach i planach na przyszłość. Twórczość Oniric, który powstał w 2005 roku, powinna zadowolić tych z Was, którzy lubią zanurzyć się w melodie retro odziane w nostalgię i otulone welonem dekadencji.

Witajcie, z góry dziękuję za to, że poświęciliście czas na ten wywiad. Od jakiegoś już czasu słychać było o was trochę, ale teraz dopiero nagraliście swój pierwszy longplay. Moje gratulacje! Jakie miał zespół początki i co się stało, że tak długo zwlekaliście z debiutanckim albumem?

Oniric1Oniric: To my dziękujemy za czas nam poświęcony, bardzo nam miło! Byliśmy po prostu bliskimi znajomymi, którzy dzielą tę samą pasję. Nie do końca było tak, że się spotykaliśmy w celu założenia zespołu. Po prostu z instrumentami spędzaliśmy razem czas. W ciągu ostatnich lat zrobiliśmy kilka demówek zanim zdecydowaliśmy się na oficjalne wydawnictwo. To dzięki tym demówkom wyszedł longplay„Cabaret Syndrome”.

Czy możecie nam powiedzieć o idei stojącej za waszym zespołem, który wyróżnia się zarówno dźwiękiem i oryginalnością na tle szerokiej gamy bandów sceny muzyki dark?

Oniric: Próbujemy odseparować Oniric od jakichkolwiek standardów, raczej nie zastanawiamy się nad tym, czym dokładnie jest nasza muzyka, mamy swoisty miernik za pomocą którego określamy stopień „oniryczności”. Może to właśnie dlatego jest szczególna.

Styl „gothic” przewija się w wielu różnych brzmieniach i dotyczy całej rzeszy różnych bandów. Jak określilibyście trzema słowami waszą muzykę i styl?

Oniric: Życie Wokół Muzyki.

Jak długo trwała praca nad nagraniami?

Oniric: Około trzech miesięcy.

Czy zdarzyło się w trakcie nagrywania albumu coś szczególnego, czym chcielibyście się z nami podzielić?

Oniric: Tak, po sesji keybordów padła pamięć zawierająca wszystkie nagrane pliki… Na szczęście dzień wcześniej zrobiliśmy backup!!!

Co oznacza „Cabaret Syndrome”?

Oniric2Oniric: Nazwa płyty jest oczywiście hołdem dla świata kabaretu, dotyczy zarówno sceny kabaretowej jak i jej kulis. Odnieśliśmy się do form kabaretowych dwudziestego wieku (a zwłaszcza sceny francuskiej), tych bardziej charakterystycznych i ewokatywnych. Słowo „Syndrom” oznacza pewne rozdrażnienie, uzależnienie od tych intelektualnych i nonkonformistycznych spektakli, jak również beznamiętne artystyczne dążenie do życia pozbawionego jakichkolwiek ograniczeń.

Jaka jest tematyka waszych utworów – czy jest jakiś jeden koncept, czy to tylko zbiór różnych historyjek?

Oniric: Utwory dotyczą spontanicznych i tymczasowych doznań i różnią się od siebie ponieważ odnoszą się do różnych momentów w naszym życiu.

Czy możecie uchylić rąbka tajemnicy w związku z kawałkiem „Blessing”?

Oniric: Możemy jedynie stwierdzić, że nadal sami się dziwimy. Jest to przykład na to, z jaką naturalnością może powstawać muzyka: zrobiliśmy go w niespełna 10 minut, a jakie dzieło wyszło!

A „Ophelia’s Portrait”? Czy ten utwór ma jakiś związek z „Hamletem”? Jeśli tak, to w jakim sensie?

Oniric: Jak najbardziej ma związek z „Hamletem”, a zwłaszcza obrazem olejnym na płótnie Johna Millais. Ten obraz wydał nam się istną animacją i utwór został nim zainspirowany.

Oniric3A do czego dążycie jako muzycy i zespół w obecnym czasie i społeczeństwie? Jak uważacie, co jest waszym celem?

Oniric: Nie jest łatwo być muzykiem w dzisiejszych czasach i wśród współczesnych ludzi. Jedynym celem jest dzielenie się wrażeniami za pomocą ciekawych zapisów nutowych.

Używacie sporo instrumentów akustycznych – czy jesteście zawodowymi muzykami i multiinstrumentalistami?

Oniric: Nie jesteśmy zawodowymi muzykami, zajmujemy się, niestety, czym innym.

Co robicie kiedy nie tworzycie muzyki?

Oniric: W zasadzie studiujemy i pracujemy.

A czego najbardziej lubicie słuchać?

Oniric: Możemy siebie określić jako „łowcy muzyki”, zawsze szukamy czegoś, co przyniesie spełnienie nie tylko uszom, ale i duszy. Stąd często wyciągamy muzykę pokrytą warstwą kurzu, która będzie nam przypominać, że w temacie dopiero stawiamy pierwsze kroki, albo która przeniesie nas w świat, w którym nigdy nie będziemy mieli okazji żyć; słuchamy również dużo muzyki, którą się robi obecnie, bez dzielenia na gatunki.

Czy planujecie grać na żywo?

Oniric: Jasne! Zawsze jest fajnie grać na żywo, zawsze jest inaczej!

Jak wyglądają wasze plany na przyszłość?

Oniric: Na razie mamy zamiar zająć się organizacją koncertów, gdzie przedstawimy utwory z „Cabaret Syndrome”. A potem będziemy zbierać materiał na nową płytę!

I pytanie ostatnie: co chcielibyście powiedzieć czytelnikom? Macie w zanadrzu jakąś istotną rzecz do przekazania, albo coś na co ludzie mogliby zwrócić uwagę?

Oniric: Może jutro… zobaczę światło w twoich oczach! Pozdrowienia pełne nostalgii dla wszystkich słuchaczy! Na razie.

www.oniricband.org

www.myspace.com/oniricband

Leo, PromoFabrik, październik 2009

Tłumaczenie: Valaya

Oniric on OndaAlternativa

Oniric (Suggestioni)

Tracklist:

01. The Rest will Flow
02. Dangling Cloud
03. Euphonia Revolver
04. Destroy Paranoia

Gli Oniric suonano le “suggestioni”, il nome del gruppo e il titolo dell’album di per se forniscono già tutte le indicazioni di quanto si scoprirà ascoltandone i contenuti.

Atmosfere cupe e buie, create con l’utilizzo di sintetizzatori, tastiere, chitarre e bassi. Il duo beneventiano ci fa entrare in un mondo surreale, un sogno, un’allucinazione.
I quattro brani presenti nel CD seguono un filo comune, senza grandi variazioni tra una canzone e l’altra; “The rest will flow” conduce immediatamente l’ascoltatore in una dimensione parallela con la sua melodia delicata e un po’ nostalgica, che ricorda vagamente emozioni passate e ormai lontane. “Dangling Cloud” lo scorta attraverso una via di cumulonembi, morbidi e allo stesso tempo imponenti. La terza traccia, “Euphonia Revolver”, invece, rompe la calma delle due precedenti e fa ricadere l’ascoltatore in un mondo impervio, pieno di imprevisti ed eventi inaspettati, quasi un incubo. Infine “Destroy Paranoia” conclude il percorso riportando il “viaggiatore” in prossimità della realtà, ma non al punto di partenza, lasciandogli la giusta dose di… Suggestione! Senza dubbio il gruppo ha individuato quello che vuole fare, le sonorità e le melodie ci sono, anche se ancora possono e devono maturare molto; l’unica pecca abbastanza evidente è la voce, decisamente da migliorare e rivisitare dal punto di vista dell’intonazione; invece per quanto riguarda i testi, non c’è niente da dire, se non che non si potevano trovare parole più azzeccate!!
Niente da dire, se non che non si potevano trovare parole più azzeccate!isitare!ora possono maturare molto.

Aspettando la prossima loro uscita, consiglio vivamente l’ascolto di questo album a chi avesse voglia di staccare dalla routine quotidiana per immergersi nel mondo della fiabe e lasciarsi cullare da esso!

Aggiunto: 27-08-2007
Recensore: Ottavia ‘Aivy’
Voto:
Link Correlati: www.oniric.tk

 

http://www.ondalternativa.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=1538

Review of “Suggestioni” on Music Underground

1. The rest will flow
2. Dangling cloud
3. Euphonia revolver
4. Destroy paranoia

Oniric-“Suggestioni”
Autoprodotto 2006

Progetto molto interessante quello degli Oniric, duo che fonde in questo demo le esperienze dei due componenti. La linea compositiva è caratterizzata da una vena dark e gothic sempre presente, atmosfere tristi, malinconiche, struggenti, ma ci sono degli elementi che portano questo lavoro fuori dai classici schemi del gothic; innanzitutto la scelta di una voce pulita maschile è molto apprezzabile, i cori sono ben riusciti, purtroppo però la voce è troppo bassa rispetto alle tastiere, una migliore registrazione avrebbe reso maggiormente merito alla valutazione di questo demo. Altro elemento molto interessante che rende questo lavoro più originale è la presenza di elementi che ricordano il progressive anni ’70 e sopratutto il rock psichedelico sempre di quegli anni. Ci sono anche contaminazioni barocche-neoclassiche e per brevissimi tratti anche folk. “Euphonia revolver” è veramente interessante con l’esperimento folk-prog-gothic secondo me riuscito e con il suo testo in italiano. Qundi in sostanza possiamo definire questo promo un mix di dark-gothic-prog-psichedelia, sempre con l’incombenza di accordi malinconici che costituiscono la struttura portante dei brani. La scelta semiacustica è molto azzeccata, un maggiore equilibrio tra chitarra (sia elettrica che acustica) e tastiera renderebbe il tutto più compatto. La valutazione finale è molto positiva, essendosi formati solo nel 2005 ed essendo il primo lavoro ci sono le basi per creare qualcosa di importante, questo è un progetto che va sviluppato al meglio e che deve maturare. Il tutto è veramente suggestivo, non si poteva scegliere titolo più appropiato. Aspettiamo con curiosità la vostra prossima uscita.

Contatti: www.oniric.tk

www.musicunderground.org

Review of “Suggestioni” on BenzoWorld

GRUPPO: ONIRIC

TITOLO: Suggestioni

GENERE: Altri generi

ETICHETTA: Autoprodotto

ANNO DI USCITA: 2005

VOTO: 65

 

Tante idee in questo lavoro, che immancabilmente si portano dietro un po’ di confusione di troppo. Gli Oniric, apparsi per la prima volta nel 2005, sono un duo: Carlo De Filippo (tastierista dei Drammagothica) e Gian Piero Timbro musicista dei Sonoria. ‘Suggestioni’ è un demo di quattro tracce acustiche, ricche di chitarre classiche e pianoforti, per una durata di poco più di sedici minuti di musica che non dispiace: ci sanno fare questi due ragazzi e non si dimenticano della tecnica. Si sentono, qua e là, suoni sintetizzati forse troppo alla leggera, che rendono un po’ più ostico l’ascolto, mentre una voce sommessa e direi troppo biascicata tenta di amalgamare il tutto in uno sformato convincente. I suoni, in quanto prevalentemente acustici, non si riconducono facilmente a qualcosa di già sentito, ma non sembrano lontani i gruppi della psichedelia “so 70’s”, capeggiati dai Pink Floyd di ‘Final Cut’, e giù fino ai moderni Massive Attack. Si intravede qualche fuoricampo folk spagnoleggiante alla Queen che, se proprio non è sgradevole, sembra più che altro un po’ un eccesso se non un azzardo. Piacevole, comunque, la conclusiva ‘Destroy Paranoia’, mix indovinato dei tratti positivi dei brani che lo precedono: un brano convincente, evidentemente anche il più spontaneo. Volendo tradurre questo demo in un odioso voto e se facciamo giocare in loro favore il fatto che si siano cimentati in un genere non del tutto “full-round”, la sufficienza è meritata, con strizzata d’occhio per l’artwork modesto e per la presentazione di “SEMI-acoustic promo”. Con noticina al fondo: un album acustico non può prescindere dalla purezza dei suoni: anche se non si può contare su un grosso studio di registrazione, aiuterebbe la resa qualche registrazione in presa diretta.

 

inserita da Marco Ciuffreda – 19 Giugno 2006

Review of “Suggestioni” on Il Gufetto

ONIRIC – Suggestioni
Scritto da Administrator
sabato 17 marzo 2007
GENERE: sperimentale/gothic/dark

MIGLIOR BRANO: The Rest Will Flow

ASSOMIGLIA A: Drammagothica, Sonoria

VOTO (0-10): 6.8

ETICHETTA: autoprodotto

ARTICOLO DEL: 18/06/2006

 

 

Oniric nasce come progetto parallelo di due musicisti non nuovi alla pagine di Gufetto: Carlo De Filippo (tastierista dei Drammagothica) e Gianpiero Timbro (in forza ai Sonoria).

 

Con queste premesse il disco suona un po’ come la fusione delle esperienze musicali dei due gruppi menzionati, dove la voce lirica dei Drammagothica viene però sostituita dalla voce maschile.

 

Elemento base e portante di “Suggestioni” sono le tastiere e la chitarra acustica, che creano un connubio dark acustico che forse darebbe il meglio di se in una esibizione dal vivo.

 

“The Rest Will Flow” è l’overture che mi aspettavo: atmosfera ad ampio respiro, tastiere che darkizzano il tutto e soprattutto un’etera sensazione Curesque impercettibile.

 

“Dangling Clouds” ha un sapore più acidulo, ma ben presto si aprono scenari incantati, sensazioni di volo sorrette da voci accennate, da farfalle colorate che danzano in vortici dark.

 

“Euphonia Revolver”, primo testo in italiano, si apre con fisarmoniche pero poi risplendere in striduli lampi di memoria e in lugubri carillon sinistri.

 

“Destroy Paranoia”, secondo testo in italiano, è un rifugio nel silenzio con archi sintetici impazziti che chiudono il Cd.

 

“Suggestioni”  in sintesi un buon lavoro di partenza per futuri sviluppi. Il suono non si discosta dai canoni del gothic metal che in questo periodo impazza tra le band nostrane.

 

Più intimisti della media gli Oniric hanno le carte in regola per produrre in futuro cose molto molto interessanti e “suggestive”.

 

 

 

 

 

TRACKLIST

1. The Rest Will Flow

2. Dangling Clouds

3. Euphonia Revolver

4. Destroy Paranoia

 

ONIRIC sono:

Carlo De Filippo: tastiere, sinth

Gianpiero Timbro: voce, chitarre, batteria, basso

 

ARTICOLO DI: Ilario Pisanu

GRAZIE A: Oniric

SUL WEB: www.oniric.tkwww.drammagothica.itwww.sonoriaweb.com

Review of “Suggestioni” on Rock Shock

Inserito il 06 maggio 2006 alle 09:00:00 da Guido Rolando. IT – Recensioni – Cd
Indirizzo sito : Oniric

Suggestioni è un demo in chiave semi-acustica che fa ben sperare

Oniric

Suggestioni

(Cd, Autoprodotto, 2006)

progressive

6,5/10

Gli Oniric, nati nel 2005, sono composti dal tastierista dei Drammagothica Carlo de Filippo e dal musicista dei Sonoria Gian Piero Timbro.

I due interpretano un progetto parallelo ai loro impegni singoli: un lavoro arioso, sperimentale, di stampo decisamente progressivo.

Suggestioni è un demo semi-acustico che narra il loro sogno sulle ali di quattro, intensi brani che alternano sonorità darkeggianti a momenti di pura psichedelia e sperimentazione.

Benchè non proponga elementi di sostanziale novità nel panorama musicale nazionale – ma è una tendenza molto seguita in questo scorcio di secolo – il lavoro è ben fatto, interessante e piuttosto godibile.

Per certi versi richiama accenti più datati, modello Genesis o PFM, per intenderci, li rispolvera e li rinnova e a volte riesce a superarli. Un buon demo d’ascolto che come sempre rappresenta solo l’introduzione di un progetto che deve ancora maturare.

Ma come dice il detto: “chi ben comincia…”.

Review of “Suggestioni” on Ephebia

Di Emiliano, 10 aprile 2006

1) The rest will flow
2) Dangling cloud
3) Euphonia revolver
4) Destroy paranoia

Suggestioni” è il titolo del demo di questo duo che, parole loro, mettono insieme “tristi accordi e suoni oscuri con melodie ed elucubrazioni sonore”. I ragazzi mettono a frutto la loro esperienza e mantengono la loro promessa di cupezza. Un esperimento piuttosto casalingo nella registrazione (peccato per le voci, non si capiscono davvero i testi) che vede protagoniste, generalmente, chitarra elettrica (acustica in alcuni casi) e tastiere. Queste ultime mi ricordano molto i Cure del periodo “Disintegration” (oh, che vi devo dire, sarò fissato…), mentre le canzoni, in generale, complice anche il modo di cantare, ricordano molto le ballate di alcuni gruppi progressive, anche per via delle molteplici variazioni all’interno delle singole canzoni. A volte si tende a mischiare un pò troppo (tipo in “Euphonia revolver“), ma la promessa di oscurità è assolutamente garantita ed il titolo del demo è pienamente azzeccato. Sono quattro tracce assolutamente interessanti, in cui Carlo e Gian dimostrano di avere le idee chiare da un punto di vista stilistico e una discreta raffinatezza su quello tecnico, e questo non è poco.
(www.oniric.tk)

(Emiliano Severoni)
www.generazioney.com